L.A., un locale e la storia del rock

L.A., un locale e la storia del rock

Los Angeles, California. Al numero 8901 di Sunset Boulevard, storia e leggenda del Rock. Il Whisky a Go Go.

Siamo nella West Coast, sulla strada più rock di West Hollywood, di tutta la California, del mondo intero. In questo locale, i Doors sono stati la “band house” per un po’, fino a quando il debutto della controversa “Oedipal Section” della canzone The End li ha fatti licenziare.

Inutile dirvi che qui sono passate vere e proprie leggende. Frank Zappa ha ottenuto il primo contratto discografico. Jimi Hendrix è venuto a fare jam mentre si esibivano Sam&Dave. Otis Redding ha registrato il suo album “Live at the Whisky” nel 1966. Molti artisti volati dall’Inghilterra, hanno fatto le loro prime esibizioni americane al Whisky a Go Go, tra cui The Kinks, The Who, Cream, Led Zeppelin, Deep Purple, Pink Floyd, Roxy Music e Oasis.

Centro nevralgico dei movimenti New Wave e punk rock alla fine degli anni ‘70, ha spesso presentato artisti diversi e anti-conformisti. Locale di riferimento oggi come allora, come quando a cavallo degli anni ’60-’70, comincia un rivoluzione che sarebbe diventata poi un movimento culturale destinato ad espandersi in tutto il mondo occidentale.

Proprio in questo locale, mentre fuori si eleggeva Kennedy, si costruiva il muro di Berlino ci lasciava l’icona della bellezza Marylin Monroe, altri nomi scuotevano l’intero sistema americano. Martin Luther King, Malcom X, Che Guevara, la guerra del Vietnam. Erano gli anni ’60.

I Doors in quegl’anni erano i padroni del palcoscenico mondiale. Fino a quella sera del 21 Agosto 1966. Due mesi e mezzo dopo la loro prima apparizione in questo locale Jim non si presentò. Andarono a cercarlo in un motel dove lo trovarono imbottito di LSD. Riuscirono con la forza a trascinarlo sul palco, mentre fuori, Los Angeles era in pieno fermento. Il pubblico del Whisky a Go Go era in delirio, urlava: JIM! JIM! JIM! Voltandosi verso Manzarek , chiese di suonare una della canzoni più celebri: “The End”. Nel bel mezzo della canzone, in uno stato di trans, Morrison inserì un passaggio edipico con spiccato riferimento all’uccisione del padre e la voglia di fare sesso con la madre. Come anticipato all’inizio dell’articolo, furono sbattuti fuori per sempre da quel locale, che li aveva visti nascere e poi morire. Da quel momento, nulla fu più come prima.

Cominciò a prendere piede una rivoluzione destinata a segnare non solo il movimento hippie ma, anche di numerosi movimenti studenteschi in tutta Europa. Tutto questo, sotto due nomi diventati storia del rock: The Doors e il Whisky a Go Go.

Buona vita!

Michele Cecchinelli

Pontederese classe '80. Trasferito a Firenze per seguire gli studi artistici. A Milano ho trovato una moglie siciliana. Da qualche anno adottato a Cascina (PI) in una dimensione piacevolmente bucolica. Musicomane per tradizione familiare, ho i cromosomi del viaggiatore "zaino a spalla".

Lascia un commento