Il fiore dei Cherokee

Il fiore dei Cherokee

Questo delicatissimo fiore è diventato il simbolo dello stato americano della Georgia.

Rappresenta il sentiero delle lacrime, the “Trail of tears”, la strada lungo la quale furono deportati i nativi americani dalle loro terre di origine nel Sud Est degli Stati Uniti fino ai territori indiani dell’Ovest. Appunto nell’Oklahoma.

La Rosa Laevigata, il fiore dei Cherokee

I Cherokee furono la tribù di nativi che resistette più a lungo alla crudele imposizione di abbandonare la loro terra da parte degli americani. Furono quelli che soffrirono di più durante l’esilio. Marciavano a piedi, al freddo, senza acqua né cibo se non quello che riuscivano a procacciarsi.

Moltissimi di loro, morirono lungo la strada.

La leggenda racconta che bianche rose delicate, sbocciarono lungo il sentiero delle lacrime. Sette petali come il numero dei clan della tribù. Bianchi come le lacrime delle madri. Gialle in centro come l’oro che gli Yankee portarono via agli indiani.

Ferite aperte, nell’ultimo paradiso dei nativi d’America. In uno stato con una fortissima identità nativo americana. Le strade, i paesaggi, i colori dell’Oklahoma raccontano tutto questo e molte altre leggende.

Storie di ferite aperte e contrapposizioni. Una raccolta di storie e persone, lungo la Route 66. Quella strada che più di una strada è un mito.

Buona vita.

Michele Cecchinelli

Pontederese classe '80. Trasferito a Firenze per seguire gli studi artistici. A Milano ho trovato una moglie siciliana. Da qualche anno adottato a Cascina (PI) in una dimensione piacevolmente bucolica. Musicomane per tradizione familiare, ho i cromosomi del viaggiatore "zaino a spalla".

Lascia un commento